eastwest challenge banner leaderboard

L'ultimo tibetano comunista

Phuntsog Wangyal, meglio conosciuto come Phunwang, è morto domenica scorsa all’età di 92 anni. Era noto per essere il «tibetano comunista», fondatore del partito comunista in Tibet e vicino alle posizione di Pechino, che poi in parte ha disconosciuto.

La sua opera di 432 pagine, «Un lungo cammino per l'uguaglianza e l’unità», come altri testi proibiti in Cina è stato pubblicato da una casa editrice di Hong Kong, la New Century Press di Bao Pu, figlio dell’ex leader cinese Bao Tong (ai domiciliari dal 1989).

Nel libro, ha scritto il Financial Times, «Phunwang sostiene che un ritorno del Dalai Lama in esilio, che la maggior parte dei tibetani considera come proprio leader spirituale, consentirebbe la riconciliazione e l’abbandono dei rancori». L’ultimo dei tibetani comunisti ha anche «esortato affinché la Costituzione della Cina, che garantisce la libertà di espressione e gli altri diritti, sia applicata anche alle minoranze etniche e non solo alla maggioranza Han».

«La sua importanza è che non ha criticato la politica cinese verso le etnie da fuori, perché era un partecipante attivo della vita politica. Quindi è molto importante per le future revisioni di questa politica» , ha detto l'editore del New Century, Bao Pu.

Anche il Dalai Lama sul suo sito ha ricordato la figura di Phuntsog Wangyal: «Era un vero comunista, sinceramente motivato a soddisfare gli interessi del popolo tibetano. Con la sua morte abbiamo perso un amico fidato. Ho incontrato Phunwang, come era popolarmente conosciuto, nel 1951, quando ha accompagnato i funzionari cinesi a Lhasa. Più tardi, durante la mia visita a Pechino e in altre città nel 1954-1955 mi ha fatto da interprete e siamo diventati amici. Durante la serie di incontri che ho avuto con il presidente Mao mi è stato di grande aiuto. Egli conosceva il pensiero marxista e gran parte di quello che so l’ho imparato da lui. Era uno di quei tibetani consapevoli degli svantaggi del sistema sociale e politico prevalente in Tibet. Attraverso il suo esempio Phunwang ha dimostrato che si può essere un vero comunista, mentre allo stesso tempo si può essere orgogliosi della nostra eredità tibetana».

Il tibetano comunista era nato negli altopiani tibetani che oggi sono territorio della regione cinese del Sichuan. Phunwang ha percorso ogni svolta rilevante della storia contemporanea cinese e tibetana. Scrive il Financial Times: «si è ribellato contro i nazionalisti durante la guerra civile cinese, ha portato l’Esercito popolare di liberazione in Tibet, ha fatto da interprete durante lo storico incontro tra il leader cinese Mao Zedong e il giovane Dalai Lama e fu imprigionato per 18 anni per essersi opposto alla politiche radicali del Grande Balzo in avanti, che ha portato alla carestia e alla ribellione sull'altopiano tibetano. Sua moglie è stata uccisa in carcere. Dopo la riabilitazione di Deng Xiaoping, che ha disconosciuto molto della sinistra radicale di Mao, Phunwang ha aiutato ad aprire un canale di comunicazione tra il partito comunista e il fratello del Dalai Lama. È rimasto un comunista per tutta la vita, ma si sentiva tradito e deluso da molte delle politiche di Pechino nei confronti del Tibet».

«Prego che Phuntsog Wangyal possa avere una buona rinascita», ha scritto il Dalai Lama.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA