eastwest challenge banner leaderboard

La Cina è pronta al peggio in Corea del Nord

La Cina deve prepararsi al peggio nella penisola coreana. È il messaggio chiaro lanciato dai militari cinesi, a fronte delle recenti «azioni» del giovane leader nord coreano. Decisioni (prove di bombe e lancio di razzi) che rischiano di militarizzare l'area, con gravi conseguenze, specie per Pechino.

 «La Cina è chiara nell'opporsi al caos nella penisola. Ma se la questione nucleare della Corea del Nord può essere risolta pacificamente non è determinato solo da parte cinese. La Cina deve fare i preparativi accurati per la peggiore delle ipotesi nella penisola».

Dato che gli altri paesi, con chiari riferimento a Pyongyang, non hanno seguito i consigli della Cina, «la Cina non porta obblighi morali per loro una volta che la situazione peggiore o anche in caso di guerra».

Era nell’aria da tempo, ma l’affondo del Global Times, quotidiano ufficiale del partito comunista, spin off del Quotidiano del Popolo, non nuovo a editoriali che danno l’idea di quanto si muova all’interno di esercito e partito comunista, è di quelli letali: «il regime di Kim Jong-un è inopportuno», scrive nel suo commento un alto papavero dell’esercito cinese. In soldoni: il giovane leader rischia di far piombare la Cina in un «disastro», ovvero una guerra e in un’emergenza epocale, dovuta ai profughi che dalla Corea del nord cercherebbero riparo in Cina.

«La Cina deve organizzare con cura un dispiegamento di forze lungo i confini a nord-est…e prepararsi militarmente e diplomaticamente a tutti i rischi potenziali nel più breve tempo possibile», ha detto Wang Haiyun al Global Times. Wang ha fatto parte del corpo diplomatico cinese in Russia ed è consulente presso la China Society for International Strategy, un think tank guidato da Sun Jianguo, vice capo di stato maggiore della Commissione militare centrale.

Non ha un ruolo che gli consenta di parlare a caso.

Le minacce che Wang ha menzionato — oltre ai test della Corea del Nord — includono la decisione degli Stati uniti «di inviare una portaerei, dei bombardieri strategici e dei sottomarini nucleari alle basi della Corea del Sud e del Giappone, e il dispiegamento di un sistema anti-missili balistici in Corea del Sud», come riporta il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post.

I commenti di Wang giungono proprio mentre il viceministro degli esteri Zhang Yesui ha promesso supporto per una forte risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni unite per punire Pyongyang dopo il lancio del razzo e il test nucleare. «Noi sosteniamo una nuova e forte risoluzione», ha detto Zhang. Nello stesso tempo il quotidiano cinese filo governativo ha pubblicato un altro commento, questa volta anonimo, nel quale viene detto chiaramente che la Cina deve prepararsi agli «scenari peggiori».

Si tratta di avvisaglie, di prime «uscite pubbliche» di un fastidio nei confronti di Kim che la dirigenza cinese ormai non nasconde più neanche nelle assisi internazionali. è finito il tempo dell’alleanza a tutti costi, specie vista la «nuova normalità» cinese, che nell’ambito della politica estera si traduce con una attenzione maniacale nell’area e un nuovo protagonismo internazionale.
@simopieranni

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA