La marcia per la democrazia a Hong Kong

Centinaia di migliaia di persone – secondo gli organizzatori - hanno partecipato a Hong Kong alla tradizionale «marcia per la democrazia», che quest’anno si è configurata come un'aperta sfida al governo di Pechino. La Cina del resto, nei giorni scorsi ha affermato con chiarezza di voler controllare strettamente la vita politica nell'ex colonia britannica. E un gruppo di studenti dell’ex colonia ha deciso di organizzare un sit-in di protesta davanti agli uffici governativi, anticipando la minacciata occupazione pacifica di Central, il distretto degli affari di Hong Kong dove si trovano gli uffici delle multinazionali e delle grandi banche internazionali, da parte del gruppo Occupy Central.


Il primo luglio del 1997 si concluse quel percorso politico e diplomatico che avrebbe riportato Hong Kong alla Cina, attraverso il trasferimento della sovranità da Londra a Pechino. L'accordo firmato da Thatcher e Deng Xiaoping, riportava sotto l'ala cinese l'ex colonia britannica, dando vita alla sistemazione politico- amministrativa nota alla storia come «un paese, due sistemi». Da allora ogni primo luglio a Hong Kong si svolge una «marcia per la democrazia», che quest'anno ha connotati nuovi: nei mesi precedenti, si è realizzato un periodo di lunghe proteste, con la nascita del soggetto politico chiamato Occupy Central (formato da attivisti, professori universitari e alle cui iniziative hanno partecipato anche volti noti delle manifestazioni cinesi del 1989), c'è stato un referendum sulla democrazia dell'isola e infine la pubblicazione da parte di Pechino del «Libro Bianco» su Hong Kong che tanto ha fatto discutere. La «marcia» è attesa con tale tensione da portare a speciali esercitazioni la polizia dell'isola e alla minaccia da parte di alcune aziende internazionali di abbandonare l'eco-sistema economico di Hong Kong, nel caso in cui le proteste politiche rendano instabile l'ex colonia britannica.

Secondo gli accordi del 1997, Hong Kong avrebbe mantenuto le proprie consuetudini «democratiche», ma sarebbe stata da considerarsi territorio cinese; nel 2007 era stato infine stabilito che l'isola avrebbe ottenuto il suffragio universale nel 2017, la data delle prossime elezioni. Quasi vent'anni dopo il 1997, infatti, le cose sono progredite e non poco. La Cina ha compiuto il suo miracolo economico e ha stretto Hong Kong in una morsa di controllo politico-amministrativo sempre più forte, arrivando a influenzare non poco i destini politici dell'isola e creando una propria zona economica speciale a Shanghai, per contrastare l'indipendenza supposta della comunità d'affari dell'ex colonia.



Hong Kong è ancora oggi, però, uno straordinario mix tra est ed ovest, capace di ammaliare e conquistare, pur nella sua caoticità tipicamente asiatica. Le sue strade, i suoi palazzi fatiscenti, alcuni quartieri capaci di catturare l'immaginario occidentale, anche grazie a celebri produzioni cinematografiche come quelle di Wong Kar-wai, hanno permesso all'ex colonia di diventare un incredibile ibrido urbano, nel quale si mischiano – fino a non distinguerli più uno dall'altro - l'Oriente e l'Occidente. È inoltre il luogo dove si possono acquistare i libri proibiti da Pechino, partecipare a manifestazioni e ricordare ogni anno i fatti del 4 giugno 1989.

L'ex colonia – però - dal 1997 viene governata da politici locali; il chief executive, il primo ministro di Hong Kong, oggi viene nominato da un comitato di 1.200 membri composto in gran parte da politici pro-Pechino – quando non direttamente controllati dal Partito comunista - e persone dal mondo degli affari. Un «sistema» che oggi viene messo in discussione: in previsione della manifestazione del primo luglio, un gruppo di attivisti di Occupy Central – il movimento che nei mesi scorsi ha occupato il parlamento di Hong Kong e che minaccia di bloccare il centro finanziario della città – ha lanciato un referendum per chiedere che vent'anni dopo l'annessione, alle elezioni del 2017, venga confermato l'utilizzo del sistema democratico di Hong Kong retto finalmente dal suffragio universale. Al referendum, che è durato dieci giorni e si è concluso ieri, hanno partecipato 800 mila cittadini su un totale di 3,5 milioni di elettori. I partecipanti hanno potuto scegliere tra tre diverse proposte di sistema elettorale.

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA