Qiu Xiaolong e l'inquinamento

Qiu Xiaolong è uno scrittore cinese che vive negli Stati Uniti, a Saint Louis, in onore di T.S Eliot, poeta preferito anche dall'investigatore capo Chen, il protagonista dei romanzi gialli di Qiu. Nato a Shanghai, dopo il 1989 si è trasferito negli Usa, dove è diventato autore di successo. I suoi romanzi costituiscono un costante aggiornamento dei progressi della Cina negli ultimi vent'anni, andando a toccare alcune corde classiche dello straordinario «miracolo cinese», dalla corruzione, alla mancanza di valori, dalla ricerca del lusso sfrenato alla difficoltà ad attuare una crescita equilibrata.

 

La distanza dalla Cina, dove torna periodicamente, rende la sua ultima fatica, Le lacrime del lago Tai (Marsilio), un libro che racconta in modo attuale il suo paese di origine, pur tratteggiando in termini troppo generalisti le caratteristiche sociali della persona cinese che cambia, al modificarsi delle condizioni sociali in cui vive. C'è una parte vera della Cina nel libro di Qiu Xiaolong, benché sia quella forse più conosciuta attraverso le cronache che arrivano in Occidente.

Ne Le Lacrime del lago Tai, settima inchiesta dell'Ispettore Capo Chen, c'è il tema cardine dell'attuale contraddittorio modello di sviluppo di Pechino, ovvero l'inquinamento e con esso la necessaria volontà popolare di mantenere viva la naturalità di certi paesaggi, cui si aggiunge la richiesta di uno sviluppo capace di salvaguardare la salute, il cibo, l'ambiente circostante.

C'è anche il vuoto morale, altro grande tema etico della Cina contemporanea, reso attraverso personaggi privi di scrupolo che puntano esclusivamente ad arricchirsi. E c'è infine una spiegazione molto più chiara di tante elucubrazioni economiche, di come i ricchi cinesi sono diventati ricchi: funzionari di Partito a capo di aziende statali che vengono privatizzate e lanciate in borsa. Con il risultato che la maggioranza delle azioni vengono regalate ai funzionari di Partito di più alto grado, che dall'oggi al domani diventano miliardari.

All'interno di queste tre direttrici, ambientale, morale ed economica, Qiu organizza forse il più debole dei suoi gialli, organizzato tecnicamente attraverso una trama semplice e intuitiva.
Come Simenon, quando faceva lavorare Maigret anche in vacanza e di nascosto dalla moglie, Qiu Xiaolong decide di concedere una vacanza all'ispettore capo Chen. Una settimana sulle rive del lago Tai a Wuxi, a un tiro di schioppo da Shanghai, regalata da un vecchio funzionario di Partito.

L'ispettore CHen è uno scapolo affascinante, prodigo di poesia e romanticismo, ma straordinariamente determinato nel risolvere i casi e nell'appassionarsi alle vicende di un'attivista per l'ambiente, finita nel mezzo di uno scandalo che ha portato all'omicidio del boss dell'azienda locale. Laoban (capo in cinese, ndr) che se non fosse stato ucciso, sarebbe diventato da lì a poco miliardario, proprio grazie ai profitti derivanti dagli scarichi industriali nelle acque un tempo cristalline del lago Tai.

C'è una parte di Cina vera, nel libro di Qiu Xiaolong, per quanto spesso lo scrittore ricorra a generalizzazioni che forse marcano la sua distanza dalla quotidianità. O forse, il suo scopo è proprio quello di apparire vagamente didascalico, per raccontare dei processi storici altrimenti complicati da rendere attraverso una forma letteraria.

Manca anche l'afflato popolare della proteste, che spesso diventa violenza di massa, rabbia pura, distruttrice. Per sottolineare la giustezza delle richieste ambientaliste dei protagonisti, Qiu tinge di romanticismo ogni personaggio a favore della giusta causa, quando oggi in Cina i cosiddetti incidenti di massa in relazione alle questioni ecologiche sono diventati sovrastanti rispetto a quelli relativi al mondo del lavoro o a questioni legate all'esproprio di terra. Sono 180 mila all'anno gli incidenti di massa e spesso quelli a carattere ambientale sono violenti, dispiegati attraverso manifestazioni e scontri, in grado di ottenere risultati importanti, come la chiusura di fabbriche e impianti.

Si tratta di un tema centrale – né il poveraccio, né il funzionario potente vogliono fare crescere il proprio figlio con aria e corsi d'acqua inquinati – nel quale il Partito del resto è impegnato a trovare una posizione che possa portare ad una soluzione della contraddizione, dato che molte di queste proteste trovano spazio sui media e nei dibattiti, apparendo come «consentite».

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA