Il latte: storia ed usi

Il latte è un alimento molto importante per la nostra salute. Siamo stati abituati fin da piccoli a berlo ed ancora da adulti continuiamo a berlo o mangiarlo sotto forme diverse. Con il latte infatti si possono creare una quantità inimmaginabile di alimenti buonissimi, ma andiamo con ordine.

Photo credits animalistiverona.org

 Già all'epoca dei Greci e dei Romani, il latte era un alimento indispensabile per l'alimentazione quotidiana e non solo: Cleopatra usava fare bagni nel latte d'asina per conservare il candore e la morbidezza della sua pelle, come anche Poppea, moglie dell'imperatore romano Nerone.

Ma come nasce il latte?

Iniziamo col dire che l'animale che produce il nostro latte e che noi conosciamo comunemente con il nome di mucca, in realtà è un nome errato, un volgarismo. Il nome esatto dell'animale in zoologia è vacca da latte.

Il periodo di gestazione di una vacca da latte è più o meno quanto quello delle donne, circa 10 mesi. Quando un vitello nasce, gli ormoni del cervello della vacca si mettono in moto per trasformare la mammella in una ghiandola di produzione di latte. Contando che una vacca rimane incinta ogni 12 mesi circa, da quel momento in poi non smetterà quasi più di produrre latte per il resto della sua vita.

Il colore bianco candido del latte deriva da alcune proteine in esso contenute e dalla presenza di lipidi che invece di assorbire la luce, la riflettono.

Le vacche vengono munte due volte al giorno, con l'aiuto di apposite apparecchiature elettroniche, che sostituiscono la mungitura manuale, molto più lenta e faticosa. Da qui il latte viene poi trattato a seconda degli usi che se ne vogliono fare: yogurt, panna, burro, formaggi, latte da bere ecc.

Non in molti forse sanno che alcuni alimenti a base di latte che sono scaduti non vanno assolutamente buttati ma anzi, possono essere riutilizzati in molti modi: con lo yogurt scaduto as esempio si possono lucidare le posate in ottone, basterà passarlo sulla loro superficie e farlo agire per  una decina di minuti. Una volta risciacquate le posate saranno come nuove. Con un panetto di burro scaduto invece si potranno ammorbidire le macchie dei vestiti prima di lavarli. Basterà mettere il burro in freezer e strofinarlo un pochino sulla macchia prima di mettere il capo in lavatrice.

Il latte può essere anche un validissimo aiuto in caso vengano ingerite alcune sostanze velenose, ma non tutte, perchè in alcuni casi aiuterebbe a favorirne l'assorbimento da parte dl nostro organismo.

Acido muriatico, solforico, cloridrico, candeggina, detersivi e disinfettanti: l'effetto di queste sostanze può essere attenuato bevendo del latte, ma ovviamente bisogna ricorrere ad adeguate cure mediche il più in fretta possibile.

Piccola curiosità: sembra che il latte aiuti a riparare anche piccole crepe di tazzine o piattini di ceramica: immergete le piccole stoviglie da riparare in una pentola capiente ricoperte dal latte e fate scaldare a fuoco lentissimo per circa un'ora. Spegnete il fuoco, fate raffreddare e se tutto andrà bene, le vostre tazzine, grazie alle proteine del latte ed al calore, non avranno più crepe.

@Angelinaincucin

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

banner fest sidebarbanner fest unicredit

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA
GUALA