Il salmone, fonte di benessere e vitamine

Il salmone è un alimento che molti di noi si apprestano a mangiare e a cucinare durante le feste natalizie che stanno arrivando. Forse già ne sapete alcune, ma vi andrò ora ad elencare un paio  caratteristiche fondamentali di questo pesce che, oltre ad essere buonissimo, è anche sano e fa davvero bene alla salute.

 Innanzitutto il salmone può essere consumato sia fresco che affumicato. In entrambi i casi ci andremo ad assicurare mangiandolo, un elevato apporto di Omega 3, veri e propri toccasana per il nostro organismo, che consentono di abbassare il livello di colesterolo nel sangue, prevengono i radicali liberi (responsabili dell'invecchiamento cellulare) e studi hanno anche confermato che aiutano a prevenire molte malattie, tra cui alcuni tumori e osteoporosi.

Il salmone è anche ricchissimo di molte proteine e vitamine, ad esempio la B6 e B12 e contiene un numero di calorie abbastanza basso, poco meno di 200 kcal per il salmone fresco ed intorno alle 140 per il salmone affumicato.

Questo pesce può essere un ottimo sostituto della carne rossa e mangiato con regolarità non potrà che donarvi numerosi benefici.

Quella che io vado a proporvi oggi, è una ricetta che ho preparato in vista del Natale. Sono dei salatini ripieni di ricotta, pepe e salmone, facili da preparare ed assolutamente golosi. Uno tira l'altro.



 

Salatini con crema di salmone affumicato, pepe nero e aneto

Ingredienti per circa 15/20 salatini

130 g di ricotta

100 g di salmone affumicato

sale e pepe nero macinato fresco quanto basta

30 salatini già pronti

6 rametti di aneto fresco

Preparazione

In un mixer elettrico mettete la ricotta, il salmone tagliato a pezzettini, il sale (poco perchè il salmone è già salato) ed una bella dose di pepe nero.

Frullate il tutto finchè non avrete un composto omogeneo e anche se rimarranno dei piccoli pezzettini di salmone all'interno dell'impasto andrà bene lo stesso.

Prendete una formina per biscotti circolare ed appoggiatela sopra la base del salatino. Dovranno avere più o meno la stessa circonferenza. Con l'aiuto di un cucchiaio o di una sac a poche se preferite, riempite la formina completamente e terminata l'operazione non vi rimarrà che sfilarla da sopra, rimanendo così con un cilindretto di impasto bello ordinato. Se trovaste difficoltà a togliere la formina, prendete un coltello, bagnate la punta con un pochino di acqua (ma anche olio al tartufo, perchè no!) e passatela nel bordo tra formaggio e formina.

Appoggiate un altro salatino sulla superficie della crema al salmone e fate un pochino di pressione per farlo aderire bene di modo che non si muova più e che tutto sia compatto.

Ora preparate la copertura di aneto.

Prendete i rametti e sminuzzateli fino ad ottenere un trito abbastanza fine. Fate questa operazione esclusivamente a coltello, perchè con un frullatore elettrico ottereste solo una poltiglia, l'effetto finale non sarà molto gradevole.

Una volta finito di tritare l'aneto passate il bordo dei vostri salatini nel composto, aiutandovi con un dito a far aderire bene ai bordi il tutto.

Potete decidere di passare tutto il bordo nel trito di aneto oppure solo la metà, come ho fatto io.

Un'alternativa all'aneto, per chi non dovesse apprezzare questa erbetta, potrebbero essere dei semi di nigella o di papavero.

Buon Natale a tutti

 

Scrivi il tuo commento
@

Oppure usa i tuo profili social per commentare

GRAZIE

GUALA
GUALA