spot_img

Ostaggi Isis: come il finale tragico favorirà l’agenda politica del governo Abe


Alla fine è successo quello che in molti – o almeno il sottoscritto – temevano: dopo Haruna Yukawa, anche Kenji Gotō, il giornalista freelance giapponese sequestrato da uomini dello Stato islamico dell'Iraq e del Levante (ISIL) a ottobre 2014, è stato ucciso.

Intorno alle 23 ora italiana di sabato – le 6 del mattino di domenica ora giapponese – il gruppo di militanti islamisti ha diffuso un video eloquente.

Alla fine è successo quello che in molti – o almeno il sottoscritto – temevano: dopo Haruna Yukawa, anche Kenji Gotō, il giornalista freelance giapponese sequestrato da uomini dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante (ISIL) a ottobre 2014, è stato ucciso.

Intorno alle 23 ora italiana di sabato – le 6 del mattino di domenica ora giapponese – il gruppo di militanti islamisti ha diffuso un video eloquente.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione