spot_img

Pakistan: la crisi del debito e la vendita di porti e aeroporti


Islamabad in trattative con Emirati e Qatar per la cessione di infrastrutture chiave. Si punta alla privatizzazione di numerose aziende statali in linea con le richieste del Fondo monetario Internazionale

Un quadro desolante per una nazione straordinariamente decisiva negli equilibri regionali e non solo, che portano il Governo a scelte dolorose ma necessarie. Infatti, come spiegato da Khaqan Najeeb, ex consigliere economico di tre Ministri delle Finanze di Islamabad, sono almeno 168 le aziende controllate dallo Stato, operanti in settori quali energia, aviazione, ferroviario, logistica, comunicazione, manifatturiero, finanziario, dell’esplorazione mineraria, del commercio all’ingrosso, al dettaglio e del marketing.

Il bisogno di liquidità

La cessione di tali asset porterebbe liquidità immediata alle casse governative, “segnalando al mondo che il Pakistan sta ragionando al di fuori della logica della creazione di debito”, ha spiegato Najeeb. Un’occasione preziosa per rilanciare la sua immagine economica sul piano internazionale e, in parallelo, per seguire l’approccio richiesto proprio dal Fondo Monetario Internazionale, che solo dopo lunghe trattative ha sbloccato il prestito di 3 miliardi.

Il porto di Karachi agli Emirati

La scorsa settimana è giunta conferma dallo stesso Governo pakistano sulle trattative per la costruzione del nuovo cargo terminal del porto di Karachi che, se verranno finalizzate, vedranno gli Emirati controllare l’85% delle attività dell’infrastruttura. Una trattativa che segue il deal, sempre con gli Emirati, per l’intero porto della città sul mare, sottoscritto con Abu Dhabi Port Group per 25 anni. La società opererà su tre ormeggi e investirà in infrastrutture per permettere l’attracco di imbarcazioni più grandi con la costruzione di nuovi moli e spazi per l’alloggio dei container. Il Governo riceverà 68 milioni di dollari tra equipaggiamento e servizi.

Tuttavia, ci sono state criticità sulle trattative concluse: secondo alcuni analisti, Islamabad avrebbe potuto chiedere di più, valorizzando maggiormente il peso strategico del porto nel quadro dell’infrastruttura dei trasporti est-ovest. La complicata posizione economica del Paese non ha permesso di spingere per richieste al rialzo, cementificando semmai un’alleanza politica con gli Emirati, che supporteranno in futuro il Pakistan in caso ci fosse la necessità di nuovi prestiti.

Il caso degli aeroporti e l’interesse del Qatar

Discorso a parte quello delle infrastrutture aeroportuali. Gli aeroporti di Karachi e Lahore, come spiegato da Khaqan Najeeb, sono difficilmente vendibili a causa di una norma di finanza islamica imposta dal Governo, mentre quello di Islamabad non sarebbe d’interesse visto il basso traffico passeggeri che registra. Motivi per i quali ancora ad oggi non è stata chiusa la trattativa con il Qatar, avviata nel 2018. Per Umar Karim, ricercatore del King Faisal Center for Research and Islamic Studies, sono evidenti i segnali che il Governo pakistano si prepara per la cessione di national assets come la compagnia PIA, sempre in linea con la logica desiderata dal FMI.

“Ma sarà interessante capire le modalità di vendita, dato che tali unità non godono di un buon stato di salute, sfruttate per conquistare appoggio politico attraverso l’offerta di posti di lavoro”, ha spiegato Karim. Gli acquirenti non tollererebbero un simile approccio e mancherebbe, in realtà, la volontà politica per concretizzare le operazioni. Una situazione incancrenitasi nel corso di 76 anni di storia non semplice, complicata dalle dinamiche interne e dal superamento delle crisi internazionali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo