spot_img

Pakistan: i quattro volti della sconfitta


All'indomani dell'attentato di Peshawar del 16 dicembre scorso, in cui circa 150 persone (molte delle quali bambini) hanno perso la vita, le autorità pakistane hanno messo in mostra un iperattivismo, che ha alimentato in molti osservatori la speranza di un vero e proprio cambio di rotta nella politica di contrasto al terrorismo. Pochi giorni dopo l'attentato, è stato approvato un “Piano d'Azione Nazionale”, che ha sinora portato all'arresto di oltre 9.000 persone, tra le quali almeno 3.000 religiosi.

All’indomani dell’attentato di Peshawar del 16 dicembre scorso, in cui circa 150 persone (molte delle quali bambini) hanno perso la vita, le autorità pakistane hanno messo in mostra un iperattivismo, che ha alimentato in molti osservatori la speranza di un vero e proprio cambio di rotta nella politica di contrasto al terrorismo. Pochi giorni dopo l’attentato, è stato approvato un “Piano d’Azione Nazionale”, che ha sinora portato all’arresto di oltre 9.000 persone, tra le quali almeno 3.000 religiosi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Fake news sull’Unione europea

Una mappatura dell’ascesa cinese nei Balcani occidentali