spot_img

Pakistan: il terrorismo non si sconfigge con le sole armi


Il 2 novembre, un attentato suicida nei pressi di un valico di frontiera tra Pakistan e India ha provocato almeno una sessantina di morti e decine di feriti. L'attacco - il più grave di questi ultimi mesi - rende necessarie alcune considerazioni sulla strategia di contrasto al terrorismo della autorità pakistane e, più in generale, sul futuro del Paese e la stabilità dell'intera regione.

Il 2 novembre, un attentato suicida nei pressi di un valico di frontiera tra Pakistan e India ha provocato almeno una sessantina di morti e decine di feriti. L’attacco – il più grave di questi ultimi mesi – rende necessarie alcune considerazioni sulla strategia di contrasto al terrorismo della autorità pakistane e, più in generale, sul futuro del Paese e la stabilità dell’intera regione.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale