Parlamento all’opera


I lavori del parlamento indiano sono sempre influenzati da una variabile fissa, manifestazione più alta dell'assetto democratico che trova in India forme di applicazione peculiari: l'ostruzionismo.

I lavori del parlamento indiano sono sempre influenzati da una variabile fissa, manifestazione più alta dell’assetto democratico che trova in India forme di applicazione peculiari: l’ostruzionismo.

Per motivi logistici ed esigenze temporali dilatate, l’assemblea della democrazia più grande del mondo si riunisce tre volte all’anno per discutere e – talvolta – approvare le nuove misure legislative della Repubblica indiana. Da febbraio a maggio (sessione del budget), da luglio a settembre (sessione del monsone) e tra novembre e dicembre (sessione invernale), i parlamentari indiani sono chiamati alla Rajiya Sabha (Camera Alta) e alla Lok Sabha (Camera Bassa) per deliberare le prossime mosse della gestione della cosa pubblica.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale