spot_img

Perché in India i guru ciarlatani hanno così tanto seguito?


La polizia dell'Haryana, coadiuvata dai reparti speciali, ci ha messo ben due giorni a fare breccia nell'ashram di Guru Rampal, un "santo" dello stato al confine con New Delhi che si rifiutava si presentarsi in tribunale per rispondere dell'accusa di concorso in omicidio. La storia appare per certi versi grottesca ma, come quasi sempre in India, dà spunto per riflessioni un po' più ampie di "ma davvero questo ciarlatano aveva 15mila fedeli a difenderlo nel suo bunker?"

La polizia dell’Haryana, coadiuvata dai reparti speciali, ci ha messo ben due giorni a fare breccia nell’ashram di Guru Rampal, un “santo” dello stato al confine con New Delhi che si rifiutava si presentarsi in tribunale per rispondere dell’accusa di concorso in omicidio. La storia appare per certi versi grottesca ma, come quasi sempre in India, dà spunto per riflessioni un po’ più ampie di “ma davvero questo ciarlatano aveva 15mila fedeli a difenderlo nel suo bunker?”

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania