spot_img

Perché l’Unione eurasiatica non è un buon affare


Quando Vladimir Putin, all’indomani dell’annessione della Crimea, pronunciò il famoso discorso sulla difesa dei russi in qualunque Paese si trovassero, un brivido percorse le schiene degli ucraini e dei baltici. Ma a due persone, più di ogni altra, si rizzarono i capelli in testa. E non si trovavano né a Kiev né a Riga.

Quando Vladimir Putin, all’indomani dell’annessione della Crimea, pronunciò il famoso discorso sulla difesa dei russi in qualunque Paese si trovassero, un brivido percorse le schiene degli ucraini e dei baltici. Ma a due persone, più di ogni altra, si rizzarono i capelli in testa. E non si trovavano né a Kiev né a Riga.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione