spot_img

Perché l’Unione eurasiatica non è un buon affare


Quando Vladimir Putin, all’indomani dell’annessione della Crimea, pronunciò il famoso discorso sulla difesa dei russi in qualunque Paese si trovassero, un brivido percorse le schiene degli ucraini e dei baltici. Ma a due persone, più di ogni altra, si rizzarono i capelli in testa. E non si trovavano né a Kiev né a Riga.

Quando Vladimir Putin, all’indomani dell’annessione della Crimea, pronunciò il famoso discorso sulla difesa dei russi in qualunque Paese si trovassero, un brivido percorse le schiene degli ucraini e dei baltici. Ma a due persone, più di ogni altra, si rizzarono i capelli in testa. E non si trovavano né a Kiev né a Riga.

 

Photo from Kevin Hartnett's blog, Boston.com

Fu Nursultan Nazarbayevad avere per primo l’idea di un’unione economica tra ilsuo Kazakistan, la Russia e altri stati ex sovietici. L’idea piacque subito a un altro uomo della stessa stoffa di Nazarbayev. Aleksandr Lukashenko era talmente entusiasta che si spinse a pensare a una fusione della sua Bielorussia con la grande madre russa. Era il 1994. L’Unione sovietica si era dissolta da meno di due anni, sul cassero del Cremlino stava saldo Boris Eltsin come in un marein tempesta e Vladimir Putin non era che uno sconosciuto consulente del sindaco di San Pietroburgo. Nazarbayev e Lukashenko non avrebbero mai potuto prevedere che quell’idea un giorno sarebbe diventata una realtà molto diversa da come l’avevano immaginata.

Unione (eur)asiatica

Qualche giorno fa Putin ha ratificato la parte russa dell’Unione economica eurasiatica. L’accordo era stato siglato già il 29 maggio scorso, con lo scambio delle ratifiche in programma il 10 ottobre e l’entrata in vigore dell’Unione il 1 gennaio 2015. A dispetto delle tappe serrate, il progetto è stato poco più di un sogno nel cassetto per quasi tutti i vent’anni precedenti.Non è bastata l’ascesa al potere di Putin per dare decisivo impulso al progetto, il tassello più importante del mosaico non ne voleva sapere di andarsi ad incastrare al suo posto. Il tarlo nella testa di Putin, l’ho scritto più volte in questo blog, è sempre stata l’Ucraina. Quando ha cominciato a prendere forma, inizialmente come unione doganale tra gli stessi tre Paesi fondatori, il sogno di Putin sembrava a portata di mano proprio nel momento in cui si è infranto sulla Maidan di Kiev. Putin ha perso l’Ucraina forse per sempre. E non si è trattato solo di una perdita territoriale, economica e di prestigio per Mosca, ma di uno snaturamento del carattere stesso dell’Unione.

La perdita dell’Ucraina (oltre che della Moldavia, che ha siglato l’Accordo di associazione con l’Ue già lo scorso novembre), insieme al raffreddamento dei rapporti della Russia con l’Occidente, ha spostato l’asse più a oriente del previsto. Col risultato che l’Unione sembra sempre meno europea e sempre più asiatica. E russa. Mosca da sola rappresenta già il 63% del mercato interno e comprende il 57% della massa votante, i cittadini russi o di etnia russa rappresentano 87% dei circa 170 milioni di popolazione complessiva, il rublo ha il ruolo di moneta unica di fatto e il russo la lingua franca.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img