spot_img

Perchè l’Europa sottovaluta i Paesi del Golfo


L'incomprensione delle politiche estere dei Paesi del Golfo ha portato a una mancanza di collaborazione con l'Occidente su questioni importanti come la sicurezza regionale e la lotta al terrorismo.

L’ascesa dei Paesi del Golfo come attori di rilievo nella scena internazionale è un fenomeno che spesso è stato sottovalutato e mal compreso, soprattutto in ambito europeo. Questo nonostante la nuova visione strategica adottata da questi Paesi, che hanno abbracciato la multipolarità come pilastro della loro politica estera.

La nuova visione dei Paesi del Golfo si basa sulla strategia della costruzione di relazioni bilaterali con diversi attori internazionali per diversificare le fonti di sostentamento economico e politico, permettendo loro di allontanarsi dalla dipendenza dagli Stati Uniti e dall’Europa, aprendo nuove opportunità di cooperazione con paesi come la Cina, l’India e la Russia. La multipolarità è stata adottata anche come strategia per contrastare l’influenza iraniana nella regione, cercando di creare un equilibrio tra i diversi attori regionali e internazionali. Inoltre, la multipolarità ha permesso ai Paesi del Golfo di rafforzare la loro posizione negoziale nei confronti degli altri paesi, siano essi vicini o lontani.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img
rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo