spot_img

Arabia Saudita: Aramco raddoppia l’utile ma risente della concorrenza russa


Il basso costo del petrolio russo ha fatto scendere Riad al terzo posto come fornitore di Cina e India

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

Il basso costo del petrolio russo ha fatto scendere Riad al terzo posto come fornitore di Cina e India

Saudi Aramco, la compagnia petrolifera statale dell’Arabia Saudita, ha riportato un utile netto di 39,5 miliardi di dollari nel primo trimestre del 2022, contro i 21,7 dell’anno precedente. Alcune stime dicono che nel secondo trimestre (aprile-giugno) registrerà un profitto ancora superiore: stando alla società di consulenza finanziaria Al-Rajhi Capital, arriverà a 44 miliardi. Il merito è degli alti prezzi del greggio, sostenuti anche dall’invasione dell’Ucraina e dalle conseguenti sanzioni alla Russia, che hanno diminuito la disponibilità di barili in un mercato già caratterizzato da un’eccedenza di domanda rispetto all’offerta.

Un articolo di Reuters ha peraltro rivelato che da aprile a giugno scorsi l’Arabia Saudita ha più che raddoppiato le importazioni di olio combustibile dalla Russia: 647mila tonnellate, contro le 320mila dello stesso periodo del 2021. Il vantaggio è doppio, per Riad. Innanzitutto perché ha speso relativamente poco: Mosca sta infatti vendendo i suoi prodotti petroliferi a prezzi scontati, in modo da trovare acquirenti disposti a correre il rischio di violare le sanzioni. E poi perché, bruciando gli idrocarburi russi al posto dei propri per generare elettricità – nel Paese fa caldo, e la popolazione chiede aria fresca –, l’Arabia Saudita sta risparmiando barili di petrolio greggio che può rivendere con profitto sui mercati. È una tattica commerciale che i sauditi seguono da anni, in realtà; la differenza è che oggi lo stanno facendo su scala maggiore, andando pure a indebolire il piano dell’Occidente per l’isolamento economico del Cremlino.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img