Pietro il Grande


Il primo imperatore della Russia impose una tassa sulle barbe e annesse l'Ucraina.

Il primo imperatore della Russia impose una tassa sulle barbe e annesse l’Ucraina.

Quando nel 1697, lo zar e primo imperatore russo Pietro il Grande intraprese la sua “grande ambasceria” in Europa in cerca di alleati contro il sultano turco e il khanato di Crimea in Ucraina, non immaginava l’impatto che quel viaggio avrebbe avuto nel suo Paese.

Personaggio affascinante e ricco di contraddizioni che, a partire da Voltaire, ha sempre sconcertato gli storici, questo riformatore dall’imponente statura di due metri, incline agli eccessi dell’alcol e che mandò il proprio figlio al patibolo, viene soprattutto ricordato per aver trasformato il regno medievale della Moscovia in un impero “occidentalizzato”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia