EN

eastwest challenge banner leaderboard

Tra Stati Uniti e Turchia la tensione è alle stelle

Indietro    Avanti

Usa-Turchia: Washington accusa Ankara di alimentare gli scontri nel Mediterraneo. Il gelo diplomatico e commerciale tra Cina e Australia. Il rischio del ritorno dello Stato Islamico in Iraq

Il Presidente turco Tayyip Erdogan a Bruxelles, Belgio, 9 marzo 2020. REUTERS/Francois Lenoir

Cina-Australia

Il Governo federale australiano vuole dotarsi del potere di veto per bloccare gli accordi con Paesi stranieri: è una mossa diretta alla Cina che probabilmente aggraverà le tensioni diplomatiche e commerciali tra i due Paesi. Intanto, Australia e Stati Uniti hanno intenzione di sviluppare missili ipersonici; Pechino invita Canberra a fare di più per la stabilità dell’Indo-Pacifico.

Usa-Turchia

C’è stata parecchia tensione tra Stati Uniti e Turchia durante il vertice virtuale della Nato, con Washington che ha accusato Ankara di alimentare le tensioni con gli alleati nel Mediterraneo. La Turchia, in risposta, ha accusato l’America di appoggiare i “terroristi” curdi in Siria.

Usa-Iraq

Gli Stati Uniti ritireranno parte del loro personale all’ambasciata in Iraq vista la crescita delle tensioni nella zona dopo l’uccisione di Fakhrizadeh. Un ritiro più generalizzato dell’America dall’Iraq, però, potrebbe non solo favorire l’espansione dell’influenza dell’Iran, ma anche la riorganizzazione dello Stato Islamico.

GUALA