Più ombre che luci per l’Ungheria presidente


I cinque punti programmatici della presidenza ungherese dell’Unione Europea sono rimasti perlopiù sulla carta. Colpa della crisi, ma anche del fatto che gli interessi dei vecchi Stati membri hanno facilmente prevalso sulle velleità integrazioniste dell’Ungheria.

I cinque punti programmatici della presidenza ungherese dell’Unione Europea sono rimasti perlopiù sulla carta. Colpa della crisi, ma anche del fatto che gli interessi dei vecchi Stati membri hanno facilmente prevalso sulle velleità integrazioniste dell’Ungheria.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale