spot_img

Lo strano stallo in Polonia


Il governo di Varsavia disconosce platealmente l’autorità Ue, dalla quale riceve finanziamenti essenziali per la sua tenuta. Il 90% della popolazione è contraria a una Polexit

Simone Benazzo Simone Benazzo
[TRIESTE] giornalista, scrive di Balcani ed Europa post-comunista per Limes, Linkiesta, Valigia Blu, Il Tascabile e altri. I suoi reportage escono su RSI ed Euronews, i suoi podcast per Bulle Media. Collabora con la RAI FVG.

Il governo di Varsavia disconosce platealmente l’autorità Ue, dalla quale riceve finanziamenti essenziali per la sua tenuta. Il 90% della popolazione è contraria a una Polexit

A metà luglio la Corte costituzionale polacca ha stabilito che le modifiche imposte dalla Corte europea di giustizia alle controverse riforme del settore giudiziario varate dall’esecutivo polacco sono incostituzionali. La Polonia non sarebbe, dunque, tenuta a ottemperarvi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img