spot_img

Polonia, sì all’invio di MiG-29 all’Ucraina


Varsavia prende una posizione autonoma e annuncia l'invio di supporto aereo a Kiev. Secondo indiscrezioni potrebbe essere seguita da Slovacchia, Finlandia e Paesi Bassi

La Polonia cede alle richieste del Governo di Kiev per l’invio di supporto aereo, con quattro MiG-29 pronti a decollare sui cieli dell’Ucraina. A un anno dallo stop degli Stati Uniti all’idea di Varsavia — con la Casa Bianca che specificò la pericolosità per l’intera alleanza atlantica di un simile intervento — il Paese guidato da Andrzej Duda sblocca la situazione, annunciando la consegna dei velivoli. “Nei prossimi giorni, daremo 4 aerei perfettamente funzionanti. I restanti, verranno consegnati successivamente”.

Varsavia prende una posizione autonoma e si allontana dall’ipotesi di ragionamento concertato con le altre nazioni: in un primo momento, infatti, si prevedeva la consegna all’Ucraina dei MiG-29 insieme alla Slovacchia e nel quadro di una coalizione con gli Stati occidentali, che a loro volta avrebbero inviato jet militari. Aspetto che, fino ad oggi, non è stato fino in fondo preso in considerazione, con la Polonia primo Paese ad attivarsi in tal senso.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

L’Europa diversa: politica e sport

Perchè l’Europa sottovaluta i Paesi del Golfo

Chi è Keir Starmer e perchè ha vinto le elezioni

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo