Polonia: uno shock i rapporti Chiesa-Stato


I regimi comunisti hanno sempre cercato di spiare dall’interno i loro oppositori. E la Polonia non ha fatto eccezione. Negli ultimi due anni il Paese di Papa Wojtyla è stato scosso da rivelazioni scioccanti sul collaborazionismo di decine e decine di prelati. Ma la comprensibile reazione dell’episcopato, seppur diviso in diversi fronti, continua a sembrare a molti inadeguata e reticente. E potrebbe avere una ripercussione più profonda e duratura sull’autorità stessa della Chiesa.

I regimi comunisti hanno sempre cercato di spiare dall’interno i loro oppositori. E la Polonia non ha fatto eccezione. Negli ultimi due anni il Paese di Papa Wojtyla è stato scosso da rivelazioni scioccanti sul collaborazionismo di decine e decine di prelati. Ma la comprensibile reazione dell’episcopato, seppur diviso in diversi fronti, continua a sembrare a molti inadeguata e reticente. E potrebbe avere una ripercussione più profonda e duratura sull’autorità stessa della Chiesa.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale