Portfolio fotografico – Zingari della Slovacchia


Dieci anni sono passati, ma a Hermanovce tutto è rimasto uguale, un fermo immagine con lo stesso fetore e gli stessi rumori: il ruscello pieno di melma, scarpe vecchie e stracci, la lamiera arrugginita dei tetti tenuta dai sassi. Le ragazzine mostrano i neonati con orgoglio; i bambini seminudi, con le scarpe spaiate, ci ripetono più volte i loro nomi, come se fosse l’unica conferma che esistono.

Dieci anni sono passati, ma a Hermanovce tutto è rimasto uguale, un fermo immagine con lo stesso fetore e gli stessi rumori: il ruscello pieno di melma, scarpe vecchie e stracci, la lamiera arrugginita dei tetti tenuta dai sassi. Le ragazzine mostrano i neonati con orgoglio; i bambini seminudi, con le scarpe spaiate, ci ripetono più volte i loro nomi, come se fosse l’unica conferma che esistono.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img