spot_img

Prima pagina – La bandiera dello Stato islamico


Sono appena tornato da alcuni giorni negli Usa, dove ho maturato questa convinzione: il prossimo Presidente degli Stati Uniti – chiunque sia – sarà uno tra i meno amati degli ultimi decenni. Donald Trump preoccupa l’establishment repubblicano per il suo essere strutturalmente “politicamente scorretto”, una vera e propria wild card per far vincere Hillary, a sua volta non amata dai giovani e paradossalmente dalle donne, che non le perdonano la sua lunga militanza nelle stanze del potere, a partire dagli otto anni alla Casa Bianca.

Sono appena tornato da alcuni giorni negli Usa, dove ho maturato questa convinzione: il prossimo Presidente degli Stati Uniti – chiunque sia – sarà uno tra i meno amati degli ultimi decenni. Donald Trump preoccupa l’establishment repubblicano per il suo essere strutturalmente “politicamente scorretto”, una vera e propria wild card per far vincere Hillary, a sua volta non amata dai giovani e paradossalmente dalle donne, che non le perdonano la sua lunga militanza nelle stanze del potere, a partire dagli otto anni alla Casa Bianca.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Nato, un ruolo per l’Italia

Climate change: le diverse policy ambientali