Primarie USA: arriva il Super Tuesday 


Trump è già il candidato repubblicano, mentre i Democratici brancolano nel buio. Il candidato che più teme Donald è Bloomberg, che però non convince nè establishment nè base Dem...

Trump è già il candidato repubblicano, mentre i Democratici brancolano nel buio. Il candidato che più teme Donald è Bloomberg, che però non convince nè establishment nè base Dem…

La maggior parte dei candidati sul palco di Charleston, nella Carolina del Sud, condivideva un obiettivo comune: bloccare la marcia del senatore Bernie Sanders verso la nomination. Mentre combattevano per emergere come alternativa a Sanders, i rivali sembravano avere un senso collettivo che, per almeno alcuni di loro, il tempo stava per scadere. Ecco come si sono comportati i sette candidati sul palco. REUTERS/James Oliphant

Entra nel vivo il processo di selezione dello sfidante di Donald Trump. Domani è la giornata Super Tuesday: in un solo giorno, si terranno le primarie (per Democratici e Repubblicani) in ben 13 Stati, dove verranno assegnati 1.358 delegati. Fino ad oggi, si è votato sempre Stato per Stato, tutto è partito con l’Iowa il 3 febbraio (sempre il primo Stato dal 1972), seguito da New Hampshire, Nevada e South Carolina, quattro Stati che, nonostante eleggano appena il 4% dei delegati totali, sono in genere molto importanti perché, avendo una composizione sociale molto diversa, rappresentano un’indicazione sulla forza dei candidati nei vari segmenti dell’elettorato. Domani, tocca a Stati molto più popolosi, come California e Texas, e i numeri saranno molto più rilevanti.

Per i Repubblicani, la gara a due tra Donald Trump e Bill Weld ha un esito abbastanza scontato e dovrebbe confermare il netto vantaggio di Trump rispetto all’ex governatore del Massachusetts. Per i Democratici, ancora alla ricerca di chi sfiderà The Donald, invece sarà un momento fondamentale, che sfoltirà la rosa degli sfidanti: per vincere la nomination del partito dell’Asinello, occorrono almeno 1.991 delegati e il Super Tuesday ne mette in palio 1.344, un vero sondaggio nazionale.

Secondo i calcoli della CNN, nella classifica dei delegati ottenuti fino a questo momento dai candidati democratici, primo è Bernie Sanders con 53, secondo è Joe Biden a quota 41, poi Pete Buttigieg con 26 delegati, seguono Elizabeth Warren con 8 e Amy Klobuchar con 7. L’ex vice di Obama era dato per morto, ma il voto del South Carolina, dove ha stravinto con il 49% delle preferenze, ha ricambiato le carte in tavola.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia