spot_img

Profumo di Islam


In una società di tradizione laica, la religione – riscoperta dopo l'indipendenza – non è vissuta con gli accenti radicali della vicina repubblica islamica dell'Iran. E per quanto lo spettro delle fedi sia variegato, intellettuali e leader religiosi guardano con favore a una sorta di ecumenismo musulmano piuttosto che di-fendere particolarismi rituali. La mancanza di effettiva libertà religiosa e politica fa il resto. A comandare è una dinastia al potere da vent’anni, inattaccabile almeno finché all’Occidente faranno gola le riserve naturali del Paese.

In una società di tradizione laica, la religione – riscoperta dopo l’indipendenza – non è vissuta con gli accenti radicali della vicina repubblica islamica dell’Iran. E per quanto lo spettro delle fedi sia variegato, intellettuali e leader religiosi guardano con favore a una sorta di ecumenismo musulmano piuttosto che di-fendere particolarismi rituali. La mancanza di effettiva libertà religiosa e politica fa il resto. A comandare è una dinastia al potere da vent’anni, inattaccabile almeno finché all’Occidente faranno gola le riserve naturali del Paese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato guarda a est ma abbandona il Mediterraneo

Prove di disgelo tra Corea del Sud e Giappone

I media e la loro influenza sulla nostra percezione del mondo