EN

eastwest challenge banner leaderboard

Prove tecniche di Maidan in Russia

Indietro

Mosca si prepara a una Maidan. Più di 40mila uomini e mille pezzi d’artiglieria nelle principali città russe per respingere manifestazioni pubbliche su larga scala. E non commettere gli errori dei Berkut in Ucraina. Intanto il tribunale di San Pietroburgo ha messo sotto processo Piotr Pavlensky.

Lui è un artista. Per intenderci, è lo stesso che si è inchiodato lo scroto tra i sanpietrini della piazza Rossa e si è cucito la bocca per protestare contro l’arresto delle Pussy Riot. Ma la sua installazione dello scorso febbraio potrebbe causargli più dolori di chiodi e aghi. A febbraio dello scorso anno, Pavlensky ha dato fuoco a un mucchio di pneumatici davanti alla chiesa del Sangue versato, a San Pietroburgo. L’installazione riproduceva in piccola scala la Maidan Nezalezhnosti di Kiev in quei giorni. La polizia lo ha arrestato e accusato di atti di vandalismo, un reato punito fino a 7 anni di galera. L’opera di Pavlensky s’intitolava “Libertà”.

 

Maidanfobia

La Russia ha paura della Maidan. Meglio, il Cremlino ha paura che manifestazioni popolari su vasta scala possano metterne a repentaglio la solidità. Non si spiega altrimenti perché il ministero dell’Interno debba impiegare 40mila poliziotti – in gran parte delle forze di sicurezza interna, le Vnutrennije Vojska, meglio conosciute semplicemente come VV – per 9 giorni in sei regioni del Paese. Questo è stato la grande esercitazione appena finita, Zaslon-2015.

Lo ha detto chiaramente il portavoce delle forze interne, Vasily Panchenkov, all’agenzia Ria Novosti. “Le operazioni si sono basate su eventi accaduti di recente in uno dei paesi vicini. L’obiettivo è tutelare l’ordine pubblico e la sicurezza pubblica, atti di terrorismo e l’estremismo. Per creare una situazione prossima alla realtà, sono stati utilizzati tutti gli schemi di quegli eventi, come incendi di pneumatici e lanci pietre e molotov contro gli agenti”.

Sempre Panchenkov ha detto che durante le esercitazioni, gli uomini delle VV hanno “messo in pratica vari scenari di guerriglia, incluso l’uso di tutto l’arsenale di cui le truppe di sicurezza interna sono equipaggiate”. Il che significa anche l’uso di armi letali.

 

Pericolo interno

La situazione è paradossale. Panchenkov ha chiaramente fatto riferimento alla rivoluzione di Euromaidan che poco più di un anno fa a portato alla destituzione di Janukovich in Ucraina, minando un potere che non sembrava in discussione. Le fonti ufficiali e i media controllati dal potere in Russia ha descritto i fatti come un colpo di stato neonazista che ha insediato a Kiev una giunta golpista guidata dai partiti estremisti e nazionalisti. Mostrando di temere un evento simile in Russia, è come se il Cremlino ammettesse la presenza di un pericolo neonazista interno capace di destituire il potere. Niente di più incredibile.

Ma nelle stanze dei bottoni di Mosca si sa bene che Eurmaidan è stato prima di tutto un movimento popolare che ha chiesto – e ottenuto, con la forza – un cambiamento al vertice. Dopo Bolotnaya, dopo la grande marcia per Nemtsov, il Cremlino sa che questo non è impossibile. Ecco perché le autorità hanno paura persino di un paio di copertoni bruciati a San Pietroburgo.

@daniloeliatweet

 

La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA