Puntellare il sogno cinese


Cos'è il sogno cinese propagandato dal Partito Comunista e in particolare dal segretario, presidente e capo della commissione militare Xi Jinping? Fino ad oggi lo slogan è stato soprattutto un invito sancito da cartelloni pubblicitari in giro per le città cinesi e il tentativo di raccogliere un rinnovamento della nazione cinese. Dal punto di vista politico e teorico, però, è apparso ancora una scatola vuota.

Cos’è il sogno cinese propagandato dal Partito Comunista e in particolare dal segretario, presidente e capo della commissione militare Xi Jinping? Fino ad oggi lo slogan è stato soprattutto un invito sancito da cartelloni pubblicitari in giro per le città cinesi e il tentativo di raccogliere un rinnovamento della nazione cinese. Dal punto di vista politico e teorico, però, è apparso ancora una scatola vuota.

 

Si è parlato a lungo di come, inoltre, il sogno cinese, costituisca per molti cinesi un motivo di ironia e di riflessione su alcune arretratezze civili del paese, basti pensare alla nuova e recente campagna di repressione on line; secondo altri, si tratta di voci provenienti dagli ambiti militari, il sogno cinese non sarebbe altro che un sogno di potenza della Cina: dopo anni di diplomazia attendista e ambigua da parte di Hu Jintao, restio a prendere decisioni e quasi sempre a rimorchio di decisioni presi da altri, per la Cina sarebbe giunto il momento di fare la voce grossa.

C’è chi declina questa lettura da un punto di vista puramente militare, un esercito in forma smagliante per le tante sfide territoriali in corso, come deterrente per i rivali, chi invece si sofferma sul nuovo ruolo diplomatico della Cina nel nuovo contesto mondiale in costante evoluzione (basti pensare alla crisi siriana).

Chi si pone a capo di questa seconda fazione, è Yang Jiechi, già ministro degli esteri e ora responsabili dell’Ufficio degli affari esteri del Consiglio di Stato. Un suo articolo, pubblicato su The National Interest, dal titolo emblematico, Implementing the Chinese Dream, prova a tratteggiare le linee guida del nuovo posizionamento cinese nel mondo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale

Trattato del Quirinale: Macron punta sull’Italia