spot_img

Punti di vista – Yes, we can’t


Obama potrebbe rifarsi attraverso un nuovo partenariato con l’Europa.

Obama potrebbe rifarsi attraverso un nuovo partenariato con l’Europa.

Era una rock-star, quel 24 luglio del 2008, a Berlino, Barack Obama. Frotte di giovani e di anziani, di tedeschi e di europei arrivavano per vedere e sentire l’uomo nuovo che si candidava a prendere il posto di George W. Bush. Sotto l’insegna dello “Yes, we can”, prometteva al mondo una nuova leadership americana. Sei anni dopo…che differenza. Obama è presidente nel pieno del secondo mandato ma le speranze sono per lo più diventate delusioni.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img