spot_img

Putin dichiara guerra alla società civile


La prima reazione del Cremlino alle proteste contro i brogli elettorali del dicembre 2011 fu prossima al panico. L’amministrazione si dichiarò subito disposta a concessioni, ma in realtà le modifiche apportate alla legge elettorale furono puramente “cosmetiche”.

La prima reazione del Cremlino alle proteste contro i brogli elettorali del dicembre 2011 fu prossima al panico. L’amministrazione si dichiarò subito disposta a concessioni, ma in realtà le modifiche apportate alla legge elettorale furono puramente “cosmetiche”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania