spot_img

Putin ha il “raffreddore”?


Più di una settimana senza apparire in pubblico, due incontri ufficiali annullati, delle foto che bluffano sulla data dell’ultimo meeting. Ce n’è abbastanza per far scatenare le ipotesi più varie su dove sia Putin. Ma tutta la storia, al di là di ciò che accade, è il sintomo di un potere che non sembra molto cambiato dai tempi di Andropov.

Più di una settimana senza apparire in pubblico, due incontri ufficiali annullati, delle foto che bluffano sulla data dell’ultimo meeting. Ce n’è abbastanza per far scatenare le ipotesi più varie su dove sia Putin. Ma tutta la storia, al di là di ciò che accade, è il sintomo di un potere che non sembra molto cambiato dai tempi di Andropov.

 Quando nell’agosto del 1983 il capo del Pcus Juri Andropov non si presentò alla parata del Primo maggio, il suo portavoce comunicò che aveva “un raffreddore”. Andropov non si vide più in pubblico, fino al febbraio del 1984, quando il suo corpo sfilò in una bara scoperta sulla piazza Rossa.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione