spot_img

Quale futuro per l’economia russa?


La crisi del 2008-2009 è stata una doccia fredda per l’economia russa e per la sua classe dirigente che confidava sul fatto che il sistema, grazie alle sue riserve valutarie, potesse rimanere isolato dalla tempesta finanziaria che stava scuotendo l’economia mondiale.

La crisi del 2008-2009 è stata una doccia fredda per l’economia russa e per la sua classe dirigente che confidava sul fatto che il sistema, grazie alle sue riserve valutarie, potesse rimanere isolato dalla tempesta finanziaria che stava scuotendo l’economia mondiale.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La Nato senza ragione

Gli Stati Uniti tornano a parlare di UFO

L’Europa federale