Quanto valgono gli investimenti della criminalità organizzata nell’economia europea


«Non crediate che la mafia sia un problema solo italiano». Così, recentemente si è espresso Georges Dassis presidente del gruppo lavoratori presso il Comitato Economico e Sociale. Nel 2013 stando a dati di Europol sono 3.600 le organizzazioni criminali presenti negli stati membri: il 70% di esse opera internazionalmente, il resto in maniera locale o nazionale. Fuggono al fisco ogni anno 670 miliardi di euro.

«Non crediate che la mafia sia un problema solo italiano». Così, recentemente si è espresso Georges Dassis presidente del gruppo lavoratori presso il Comitato Economico e Sociale. Nel 2013 stando a dati di Europol sono 3.600 le organizzazioni criminali presenti negli stati membri: il 70% di esse opera internazionalmente, il resto in maniera locale o nazionale. Fuggono al fisco ogni anno 670 miliardi di euro.

Per Dassis «Se i nostri governi decidessero di lottare veramente contro la criminalità economica, riuscirebbero a recuperare 100 miliardi all’anno per i loro i bilanci, Il doppio di quello che viene dato per i fondi strutturali».

La criminalità economica investe in tutta l’Europa:
Dai dati del report sugli investimenti delle organizzazioni criminali realizzato dall’Università di Trento e dall’Università Cattolica, emerge che in quasi tutti gli stati membri sono presenti attività economiche criminali a carattere transnazionale. Tra i paesi che attraggono di più gli investimenti da organizzazioni estere figura la Spagna. Il maggiore mercato illecito è rappresentato dai settori del vestiario, alimentare e accessori , nei paesi considerati ( Italia, Francia e Spagna, Inghilterra, Finlandia, Olanda), con 18,886 milioni di euro annui. Segue il traffico di eroina che arriva a 6.153 milioni di euro, della Cannabis con 5,368 milioni di euro. Dietro lo sfruttamento sessuale nei paesi come l’Italia, la Francia e il Regno Unito c’è un giro di 4,231 milioni di euro annui.

Infiltrazione a pioggia dove le regole sono deboli o non ancora definite
Edilizia, ristoranti e bar, agenzie territoriali specifiche, infiltrazioni nell’amministrazione pubblica e nelle opere pubbliche, nei settori dove le regole sono deboli o in via di sviluppo come le energie rinnovabili o le slot machines. Naturalmente anche in tutte quelle operazioni funzionali alle attività criminali come l’esportazione e importazione di beni criminali, trasporto di droga e armi. Ambiti dove è facile far proliferare attività di frode, come ad esempio il petrolio. Sexy shops e negozi di tatuaggi in genere frequentati da bande di motociclisti sono anche essi il più delle volte frutto di investimenti criminali. In Italia sono presenti quasi tutti i tipi di investimenti criminali.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

La variante sudafricana non esiste!

La Pop Art e la critica del sistema

Prezzi dell’energia: una politica per soluzioni durature

Usa, il Pentagono indaga sugli UFO

Autodistruzione imperiale