Ragù: storia e ricette


Il ragù è sicuramente uno dei piatti italiani più famosi sia in Italia che nel mondo. Questo condimento ha origini antiche, precisamente si pensa che la ricetta si possa attribuire come nascita alla fine del 1700.

Il ragù è sicuramente uno dei piatti italiani più famosi sia in Italia che nel mondo. Questo condimento ha origini antiche, precisamente si pensa che la ricetta si possa attribuire come nascita alla fine del 1700.

Il ragù (la cui parola deriva dal francese “ragoutier”, ovvero “risvegliare l’appetito”) è nato come una salsa di carne di accompagnamento a piatti di pasta, ma la carne veniva spesso lasciata da parte, per poi consumare effettivamente solo il brodo.

Fu poi Aberto Alvisi, cuoco dell’allora cardinale di Imola verso la fine del 1700, a cucinare il primo ragù vero e proprio, servito con un piatto di maccheroni. All’inizio del 1800, il ragù fece la sua comparsa anche in alcuni libri di cucina emiliani, ed era un piatto che nella maggior parte delle volte veniva servito nei giorni di festa.

Già…ma quanti tipi di ragù esistono?

Nel mondo non si contano le versioni che sono state fatte di questa famosa salsa. C’è chi la fa solo con un tipo di carne, chi mette l’aglio, chi il rosmarino, chi usa carne di cervo o cinghiale e chi la carne di agnello.
Personalmente ne conosco di 3 tipi, ed appartengono tutti all’Italia: il ragù napoletano, il ragù bolognese ed il ragù barese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img