spot_img

Rajin-Sonbong, una regione molto speciale


La Zona economica speciale (Zes) nordcoreana di Rajin-Sonbong, rinominata Rason con la riforma amministrativa del 2004, è da tempo al centro degli interessi di Cina e Russia. Questo sottile lembo costiero presenta alcune caratteristiche che giustificano le attenzioni dei potenti confinanti.  Da un lato permette alla Corea del Nord di confinare direttamente con la Russia, per 17 chilometri, lungo le bocche del fiume Tumen.  Nel contempo questo territorio costituisce un diaframma che inibisce alla Cina e alle sue popolate ed economicamente promettenti province di Nordest l’accesso diretto al Mar del Giappone.

La Zona economica speciale (Zes) nordcoreana di Rajin-Sonbong, rinominata Rason con la riforma amministrativa del 2004, è da tempo al centro degli interessi di Cina e Russia. Questo sottile lembo costiero presenta alcune caratteristiche che giustificano le attenzioni dei potenti confinanti.  Da un lato permette alla Corea del Nord di confinare direttamente con la Russia, per 17 chilometri, lungo le bocche del fiume Tumen.  Nel contempo questo territorio costituisce un diaframma che inibisce alla Cina e alle sue popolate ed economicamente promettenti province di Nordest l’accesso diretto al Mar del Giappone.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Rischi e sfide del Green Deal europeo

Corea del Sud, Cina e Giappone: miti e leggende