spot_img

Consiglio Ue, a un passo dall’accordo


Continuano febbrili i negoziati bilaterali. L’Olanda capitolerà. Non è più rinviabile un passaggio delle regole di voto da unanimità a maggioranza

Tre giorni e tre notti di negoziati e ancora i capi di Stato e di Governo dell’Unione europea riuniti a Bruxelles non sono riusciti a trovare un accordo sul Recovery Fund e il bilancio pluriennale della Ue.

Nel corso della riunione plenaria di ieri sera, iniziata dopo una lunga giornata di incontri bilaterali, riunioni e summit ristretti, il Presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha lanciato l’appello ai cosiddetti Paesi frugali (Olanda, Austria, Danimarca, Svezia e Finlandia) di arrivare presto a un accordo. “Oggi sono stati superati 600mila morti nel mondo, siamo di fronte a una crisi senza precedenti. I 27 leader sono in grado di costruire unità e fiducia nell’Europa? O presenteremo il volto di un’Europa debole e indebolita dalla sfiducia?”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

L’Europa diversa: politica e sport

Perchè l’Europa sottovaluta i Paesi del Golfo

Chi è Keir Starmer e perchè ha vinto le elezioni

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo