spot_img

Recovery Fund: non basterà un solo vertice a luglio


Ma si giungerà a una decisione entro il mese, con un secondo Consiglio. Ma non vogliamo il trasferimento della governance da Commissione a Consiglio, un passo indietro...

Ma si giungerà a una decisione entro il mese, con un secondo Consiglio. Ma non vogliamo il trasferimento della governance da Commissione a Consiglio, un passo indietro…

Recovery Fund: non basterà un solo vertice a luglio. Il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel tiene una conferenza stampa sul bilancio dell'Ue per il 2021-27, in vista del vertice dei leader europei, a Bruxelles, Belgio, 10 luglio 2020. Kenzo Tribouillard/Pool via Reuters
Il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel tiene una conferenza stampa sul bilancio dell’Ue per il 2021-27, in vista del vertice dei leader europei, a Bruxelles, Belgio, 10 luglio 2020. Kenzo Tribouillard/Pool via Reuters

Per trovare un accordo sul Next Generation Eu e sul bilancio 2021-2027 quasi certamente non basterà un solo Consiglio europeo a luglio. Sia la presidenza tedesca sia il Presidente del Consiglio Charles Michel – ma soprattutto i due fronti contrapposti, quello guidato dai nove (Italia e Francia in testa) contro i quattro “frugali” e quelli dell’est – non hanno ancora esaurito tutta la loro “potenza di fuoco”. Il 17 e 18 luglio ci saranno negoziati nella notte e lunghe trattative ma nessuna rottura (che non conviene a nessuno). Si porranno solo le basi per un accordo da chiudere prima della pausa estiva, magari in un secondo vertice a fine mese.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img