spot_img

Repubblica Autoproclamata di Donetsk: un racconto fotografico


 La guerra civile nel Donbass vuol significare qualcosa d'improvviso. Oltre le motivazioni di questione energetico e geopolitico per il controllo dell'Ucraina orientale, il referendum, che ha visto la creazione delle Repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lughansk e la scissione da Kiev, vuol dire spari tra conviventi. Un continuo combattimento di logoramento, con tank ed artiglierie che si fronteggiano a pochissima distanza. Il rigido inverno è sempre più vicino e la popolazione logorata.

 La guerra civile nel Donbass vuol significare qualcosa d’improvviso. Oltre le motivazioni di questione energetico e geopolitico per il controllo dell’Ucraina orientale, il referendum, che ha visto la creazione delle Repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lughansk e la scissione da Kiev, vuol dire spari tra conviventi. Un continuo combattimento di logoramento, con tank ed artiglierie che si fronteggiano a pochissima distanza. Il rigido inverno è sempre più vicino e la popolazione logorata.

 

Aleksandr Zakharchenko, Primo Ministro dell’autoproclamata Repubblica di Donetsk, durante la propria campagna elettorale.

 

Check point dell’esercito ucraino alle porte di Sloviansk.

 

 

Deposito di armi in una trincea abbandonata.

 

 

Il comandante Scorpion organizza la prima linea dei ribelli filorussi a Pisky.

 

 

Pattugliamento di una postazione conquistata.

 

 

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img