spot_img

Repubblica Autoproclamata di Donetsk: un racconto fotografico


 La guerra civile nel Donbass vuol significare qualcosa d'improvviso. Oltre le motivazioni di questione energetico e geopolitico per il controllo dell'Ucraina orientale, il referendum, che ha visto la creazione delle Repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lughansk e la scissione da Kiev, vuol dire spari tra conviventi. Un continuo combattimento di logoramento, con tank ed artiglierie che si fronteggiano a pochissima distanza. Il rigido inverno è sempre più vicino e la popolazione logorata.

 La guerra civile nel Donbass vuol significare qualcosa d’improvviso. Oltre le motivazioni di questione energetico e geopolitico per il controllo dell’Ucraina orientale, il referendum, che ha visto la creazione delle Repubbliche autoproclamate di Donetsk e Lughansk e la scissione da Kiev, vuol dire spari tra conviventi. Un continuo combattimento di logoramento, con tank ed artiglierie che si fronteggiano a pochissima distanza. Il rigido inverno è sempre più vicino e la popolazione logorata.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

A cosa si deve il successo ventennale di Orbán?

Il Ministro degli Esteri cinese in tour nel Pacifico

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione