eastwest challenge banner leaderboard

La pagella di New York

Indietro

L'amministrazione Usa continua a minacciare sanzioni a mezzo mondo. Un nuovo trattato sostituisce il Nafta

Il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro e il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante una riunione bilaterale. REUTERS/Kevin Lamarque
Il Presidente brasiliano Jair Bolsonaro e il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump durante una riunione bilaterale. REUTERS/Kevin Lamarque

Dazi americani anche per Brasile e Argentina

Donald Trump ha annunciato l’imposizione di dazi su acciaio e alluminio di Brasile e Argentina. Il Presidente americano su Twitter ha accusato le due nazioni di aver svalutato le loro monete per favorire le proprie esportazioni a danno di quelle statunitensi. “Allo stesso tempo, la Federal Reserve dovrebbe fare in modo che questi Paesi, come molti altri, non si avvantaggino più della forza del dollaro svalutando ulteriormente le loro valute. Ciò rende difficile per i nostri agricoltori e i nostri industriali esportare equamente i loro prodotti” ha aggiunto il Presidente americano, con toni da campagna elettorale. Trump potrebbe non aver gradito il recente avvicinamento dell’amico Jair Messias Bolsonaro a Xi Jinping, sempre più interessato ad aumentare la presenza del Paese asiatico in Sudamerica a discapito degli Stati Uniti. “La Cina sta diventando sempre più parte del futuro del Brasile”, ha dichiarato Bolsonaro dopo un incontro recente a Brasilia con il Presidente Cinese.

Voto: 3 a Donald. I dazi non sono una risposta politica intelligente... mai!

Nuove sanzioni per Cuba

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato l’ultima delle quasi 190 sanzioni volute dall’amministrazione a stelle e strisce contro Cuba, ormai in ginocchio. Si tratta di misure contro la compagnia cubana Corporación Panamericana, che aggirando il blocco navale imposto dal luglio dello scorso anno, ha portato sull’isola il greggio venezuelano. L’amministrazione Trump accusa il Governo cubano di sobillare le rivolte popolari che negli ultimi mesi infiammano l’America Latina.

Voto: 1 all’amministrazione americana. Quella di Cuba è veramente un’ossessione…

Usa tra Cina e Hong Kong

La Cina ha introdotto nuove sanzioni nei confronti degli Stati Uniti come ritorsione per l’approvazione al Congresso di una legge a favore dei dimostranti per la democrazia a Hong Kong. L'Hong Kong Human Rights and Democracy Act americano prevede non solo l'adozione di sanzioni contro quei funzionari ritenuti responsabili di violazioni delle libertà e di gravi violazioni dei diritti umani ma anche una revisione periodica dell'effettiva autonomia della città, a cui legare la riconferma dello status commerciale privilegiato con gli Stati Uniti. Il Governo cinese, in risposta, ha dichiarato che non accetterà più richieste da parte della marina militare statunitense di entrare a Hong Kong e ha promesso che verranno introdotte sanzioni contro diverse Ong americane tra cui Human Rights Watch e Freedom House. “Esortiamo gli Stati Uniti a smettere di interferire nei nostri affari interni”, ha detto ai giornalisti a Pechino la portavoce del Ministero Hua Chunying.

Voto: 6 a Washington per la pressione a favore della libertà di parola ad Hong Kong (sperando che un giorno adotti lo stesso metro anche con Riad). E 3 a Pechino: non esistono gli affari interni, quando sono in gioco le libertà fondamentali 

Monito di Mike Pompeo all’Egitto

Washington ha intimato all’Egitto di non acquistare armamenti dalla Russia, pena l’avvio di sanzioni. L’avvertimento è arrivato tramite una lettera dal Dipartimento di Stato Usa che sollecita il Ministro della Difesa egiziano a cancellare l’accordo per acquistare aerei da guerra russi Su-35. La lettera comunica che l’Egitto rischia sanzioni in base a quanto previsto dal Countering America’s Adversaries Through Sanctions Act (CAATSA) che vieta gli acquisti di equipaggiamento militare russo. “I nuovi importanti accordi sulle armi con la Russia complicheranno, come minimo, le future transazioni di difesa degli Stati Uniti e l'assistenza alla sicurezza in Egitto", si legge nella missiva. Il Cairo dipende fortemente dagli aiuti americani e la cooperazione con Mosca è certamente un rischio per il Paese. Andrei Krasov, vice presidente del Comitato di difesa della Duma, ha affermato che le minacce statunitensi all’Egitto sono “un tentativo ingiusto di competere nel mercato degli armamenti”. Egitto e Russia nel 2019 hanno siglato un accordo da 2 miliardi di dollari per oltre 20 aerei Su-35.

Voto: 5 a Pompeo. Minacciare sanzioni a mezzo mondo non migliorerà la convivenza pacifica

Ratificato trattato commerciale tra Stati Uniti, Canada e Messico

Il Nafta va in pensione. Con il via libera della Camera americana è stato raggiunto l’accordo sul testo definitivo dell’Usmca, il nuovo trattato commerciale tra Stati Uniti, Canada e Messico. I negoziati tra i tre Paesi sono andati avanti senza risultati fino all’autunno 2018 quando si è arrivati a una prima bozza di accordo. A dicembre scorso si è giunti alla firma definitiva su un testo rivisto e approvato dai rispettivi parlamenti. Una battaglia interna che, negli Usa, è durata oltre un anno, a causa delle numerose obiezioni dei Democratici e dei sindacati. La speaker della Camera Nancy Pelosi annunciando l’intesa sul testo definitivo ha dichiarato “non c’è dubbio che questo trattato commerciale sia molto meglio del Nafta”, ma la versione che è uscita dalla Camera, ha spiegato, “è infinitamente migliore di quella inizialmente proposta”. Mentre il Presidente Trump ha voluto sottolineare su Twitter che: “L’accordo commerciale Usmca va bene, è buono per tutti: agricoltori, industria manifatturiera, settore energetico e sindacati!”

Voto: 7 all’amministrazione repubblicana: finalmente un buon accordo commerciale

@ilarias 

Questo articolo è pubblicato anche sul numero di gennaio/febbraio di eastwest.

Puoi acquistare la rivista in edicola o abbonarti.

Scrivi il tuo commento
@

La voce
dei Lettori

Eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città. Invia la tua domanda a eastwest

GUALA