spot_img

Ritorno a Ekaterinburg leggendo Pasternak


In treno verso la capitale degli Urali, negli Anni Venti ribattezzata Sverdlovsk in onore del leggendario braccio destro di Lenin che organizzò l'eccidio dei Romanov. È un tuffo all'indietro, nella Russia degli zar e della grande letteratura. Parlando di Pavel Fedulev, potente oligarca locale, Anna Politkovskaja scriveva: "È una peculiarità del nostro Paese: se il sogno di ogni soldato è diventare generale, quello di ogni criminale russo è di fare soldi legalmente".

In treno verso la capitale degli Urali, negli Anni Venti ribattezzata Sverdlovsk in onore del leggendario braccio destro di Lenin che organizzò l’eccidio dei Romanov. È un tuffo all’indietro, nella Russia degli zar e della grande letteratura. Parlando di Pavel Fedulev, potente oligarca locale, Anna Politkovskaja scriveva: “È una peculiarità del nostro Paese: se il sogno di ogni soldato è diventare generale, quello di ogni criminale russo è di fare soldi legalmente”.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img