EN

eastwest challenge banner leaderboard

russia

Russia, Putin regnerà ancora?

Indietro    Avanti

La Duma ha votato l’emendamento alla Costituzione che, se approvato dalla Corte Costituzionale, verrà messo a referendum

Il Presidente russo Vladimir Putin presiede un incontro con i membri del gruppo di lavoro sulle proposte di modifica della costituzione russa, a Mosca, Russia, 26 febbraio 2020. Sputnik/Alexei Druzhinin/Cremlino via REUTERS

Nonostante le ripetute smentite arrivate negli ultimi mesi, Vladimir Putin ha alla fine optato per la cancellazione del limite dei due mandati presidenziali. Nel mese di gennaio, quando il Presidente annunciò un’importante riforma degli organi dello Stato che portarono alle dimissioni di Dmitry Medvedev, sembrava fuori discussione una scelta che, virtualmente, potrebbe portare l’ex ufficiale del Kbg a governare il Paese fino al 2036 e — salute permettendo — oltre.

Ma nella giornata di martedì Putin, in un discorso tenuto alla Duma, ha sottolineato l’importanza di una leadership stabile per la nazione, specie in tempi di turbolenza e che, dunque, valuterebbe un nuovo incarico solo se “una simile proposta fosse approvata dalla Corte Costituzionale e avesse il supporto dei cittadini”. Il Presidente ha, poi, aggiunto che ciò non significa che effettivamente rimarrà al potere oltre il 2024.

Infine, ieri il Parlamento ha votato l’emendamento alla Costituzione, passato con 383 consensi e zero contrari. La Camera Alta ha approvato l’emendamento con 160 voti, nessuno contrario. Voci critiche si sono già fatte sentire tra gli attivisti, con un gruppo che ha dichiarato d’aver richiesto i permessi per protestare già il 21 marzo prossimo. Da quanto si apprende, però, il Governo ha fermato fino al 10 aprile ogni assembramento che supera le 5000 persone, all’interno delle politiche sanitarie per scongiurare la diffusione del coronavirus.

Il Parlamento ha votato anche altre misure, tra le quali l’innalzamento dello stipendio minimo e l’aggiustamento delle pensioni all’inflazione. Inoltre, i parlamentari hanno approvato un emendamento che prevede come unico matrimonio possibile quello eterosessuale, e viene sancita a livello costituzionale la fede in Dio.

Se la Corte Costituzionale approverà l’emendamento per la cancellazione del limite presidenziale dei due mandati, così come la modifica costituzionale che vedrebbe la Duma scegliere il Primo Ministro, vari funzionari governativi e l’inserimento nella carta fondamentale russa del Consiglio di Stato, dopo un passaggio nei parlamenti regionali, i cittadini saranno chiamati a esprimersi con un referendum il 22 aprile.

@melonimatteo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA