EN

eastwest challenge banner leaderboard

LA NOTIZIA DEL GIORNO

Russia-Svezia: tensioni nel Mar Baltico

Indietro    Avanti

Tra Russia e Svezia non tira una buona aria. Era dalla Guerra fredda che non si registrava una simile mobilitazione di truppe, aerei e veicoli da parte svedese

Un’esercitazione militare sull’isola svedese di Gotland, Svezia. TT News Agency/Anders Wiklund via REUTERS

La Svezia ha rafforzato la propria presenza militare sull’isola di Gotland, nel mar Baltico, in risposta a un’esercitazione russa tenutasi la settimana scorsa. Da allora l’allerta è parzialmente rientrata, anche se era dalla fine della Guerra fredda che non si registrava una simile mobilitazione di truppe, aerei e veicoli da parte svedese.

Gotland è una località turistica ma anche un’isola strategicamente importante per Stoccolma e per la Nato – la Svezia non ne fa parte, ma ne è alleata – vista la sua posizione geografica: si trova nel mar Baltico, a poca distanza sia da San Pietroburgo che dall’exclave russa di Kaliningrad, tra Polonia e Lituania.

Le tensioni nel Baltico tra la Nato e la Russia

Ad aver messo in agitazione le autorità svedesi è stata un’esercitazione militare russa partita proprio da Kaliningrad e conclusasi con la simulazione di un’invasione anfibia nei pressi di San Pietroburgo. Secondo un esperto sentito dal New York Times, l’esercitazione rientrava nell’operazione Ocean Shield, messa a punto da Mosca per migliorare la prontezza della propria marina.

La reazione di Stoccolma si spiega con la crescita delle tensioni tra l’Occidente e la Russia dopo l’annessione della Crimea nel 2014, che ha spinto la Nato a spostare il suo focus verso est. A sua volta, l’esercitazione della Russia può essere interpretata come una risposta alla maggiore presenza della Nato nel mar Baltico.

La mobilitazione militare della Svezia – parafrasando le parole della Ministra degli Esteri Ann Linde – è servita a dimostrare a Mosca che Stoccolma dispone di un esercito preparato e reattivo. Le forze armate hanno fatto sapere che l’obiettivo della missione a Gotland era di rafforzare la sorveglianza del mar Baltico, anche se il rischio di un attacco è basso.

La militarizzazione di Gotland

L’aggressività russa nella regione del Baltico aveva già indotto il Governo svedese ad aumentare le spese per la difesa, che probabilmente continueranno a crescere ancora.

Nel 2015 la Svezia ha stanziato nuovamente delle truppe a Gotland, dopo il loro ritiro nel 2005: da allora, il loro numero è passato da circa 50 a oltre 300. A giugno dell’anno scorso, invece, è stata annunciata l’installazione di un nuovo sistema missilistico terra-aria sull’isola.

@marcodellaguzzo

Continua a leggere questo articolo e tutti gli altri contenuti di eastwest e eastwest.eu.

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica a € 45.
Se desideri solo l’accesso al sito e l’abbonamento alla rivista digitale, il costo per un anno è € 20

Abbonati



La voce
dei Lettori

eastwest risponderà ogni settimana ai commenti sui social e alle domande inviate dai lettori. Potete far pervenire la vostra domanda usando il tasto qui sotto. Per essere pubblicati, i contributi devono essere firmati con nome, cognome e città Invia la tua domanda ad eastwest

GUALA