spot_img

“Ryszard? Era un grand’uomo”


«Quando ero piccola e lui tornava dai suoi viaggi tutti volevano sentire i suoi racconti. Ma lui diceva: "Se racconti disperdi le parole". Quindi le teneva per sé e poi scriveva. In seguito me ne sono andata in Canada. Avevo 22 anni. Tornavo periodicamente in Polonia e mi fermavo una ventina di giorni». Zojka Kapuscinska parla così di suo padre, oggi al centro di grandi polemiche nella sua Polonia. Non
èl’opinione scontata e prevedibile di una figlia. Come dimostraquesta intervista a lei e a sua madre Alicja.

«Quando ero piccola e lui tornava dai suoi viaggi tutti volevano sentire i suoi racconti. Ma lui diceva: “Se racconti disperdi le parole”. Quindi le teneva per sé e poi scriveva. In seguito me ne sono andata in Canada. Avevo 22 anni. Tornavo periodicamente in Polonia e mi fermavo una ventina di giorni». Zojka Kapuscinska parla così di suo padre, oggi al centro di grandi polemiche nella sua Polonia. Non
èl’opinione scontata e prevedibile di una figlia. Come dimostraquesta intervista a lei e a sua madre Alicja.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Quattro anni per Aung San Suu Kyi

Usa-Cina: conflitto inevitabile

Francia, nostalgia di Indochine