spot_img

Sarà Rahul Gandhi vs Narendra Modi


Alla fine è successo l'inevitabile, l'ampiamente previsto: l'Indian National Congress (Inc) mette alla guida della campagna elettorale per le prossime elezioni il rampollo di casa Gandhi, Rahul. Senza sbilanciarsi su alcun candidato premier.

Alla fine è successo l’inevitabile, l’ampiamente previsto: l’Indian National Congress (Inc) mette alla guida della campagna elettorale per le prossime elezioni il rampollo di casa Gandhi, Rahul. Senza sbilanciarsi su alcun candidato premier.

Con molto ritardo dalla nomina di Narendra Modi a candidato premier per l’opposizione nazionalista del Bharatiya JanataParty (Bjp), ieri l’Inc ha indicato il “portavoce” per la campagna elettorale del 2014.

Rahul Gandhi, 43 anni, è il secondo figlio di Rajiv Gandhi (primo ministro ucciso in un’attentato terroristico nel 1991) e Sonia Gandhi, attuale presidentessa del partito, di origini italiane.

La corsa a due per la premiership indiana, in una tornata elettorale che al momento vede Modi in vantaggio sui sondaggi – per quanto possano valere, vista l’importanza delle alleanze regionali nella matematica del consenso – ha finalmente svelato il volto dell’avversario, almeno dal punto di vista mediatico.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img