spot_img

Scary Dublin


Se chi ama l’Irlanda intraprende una nuova permanenza a Dublino proprio verso la fine di ottobre, allora può sentirsi doppiamente fortunato, mentre trascina le sue valigie sotto l’occhio semi-illuminato delle zucche alle finestre, tra vetrine velate da ragnatele di lana costellate di ragnetti e di sagome di fantasmi, mentre gruppi di ragazzini si portano dietro nelle periferie rottami di legno utili per i tradizionali fuochi.

Se chi ama l’Irlanda intraprende una nuova permanenza a Dublino proprio verso la fine di ottobre, allora può sentirsi doppiamente fortunato, mentre trascina le sue valigie sotto l’occhio semi-illuminato delle zucche alle finestre, tra vetrine velate da ragnatele di lana costellate di ragnetti e di sagome di fantasmi, mentre gruppi di ragazzini si portano dietro nelle periferie rottami di legno utili per i tradizionali fuochi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

L’Europa federale

Fake news sull’Unione europea