spot_img

Polonia, pressing dell’Ue e dei gruppi parlamentari sullo stato di diritto


Ppe, Socialisti e altre formazioni chiedono lo stop del Recovery Fund a Varsavia, mentre la Corte di Giustizia europea boccia le misure del Governo sui poteri ministeriali di rimozione dei giudici

Ppe, Socialisti e altre formazioni chiedono lo stop del Recovery Fund a Varsavia, mentre la Corte di Giustizia europea boccia le misure del Governo sui poteri ministeriali di rimozione dei giudici

Intenta a bloccare i migranti in arrivo dalla Bielorussia e in fase di progettazione di un muro al confine, la Polonia rimane al centro dell’interesse dell’Unione europea e delle sue istituzioni, rigorosamente monitorata nell’atteggiamento e nelle misure che il Governo in carica assume. Specie quelle che vanno contro la giurisdizione europea, come il caso della regola che permette al Ministro della Giustizia di assegnare o rimuovere dagli incarichi i giudici delle alte corti criminali

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €35

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €15

- Advertisement -spot_img

Cina: l’anno del Drago si presenta turbolento

Germania: la debacle dei partiti al governo

Colombia: la rottura di Petro con Israele

Il confine tra le due Coree torna caldissimo

Argentina: Javier Milei e la sua shock-therapy

rivista di geopolitica, geopolitica e notizie dal mondo