spot_img

Sebastopoli, spazio postsovietico


Eduard ferma la macchina ai margini del bosco.
Scendiamo. Dal bagagliaio tira fuori un sacchetto di plastica: dentro, una tuta mimetica un po’consunta. Il costume del perfetto digger, dice lui.

Eduard ferma la macchina ai margini del bosco.
Scendiamo. Dal bagagliaio tira fuori un sacchetto di plastica: dentro, una tuta mimetica un po’consunta. Il costume del perfetto digger, dice lui.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Un futuro (in)sostenibile per la Germania

La Nato senza ragione