Secchi: una nuova etica per ripensare la città


Berlino è forse il caso più noto. Ma tutta l’Europa centro-orientale è un cantiere aperto. Nascono nuove esperienze di vita urbana e le architetture più innovative prendono forma dal quotidiano. Uno dei maggiori architetti italiani spiega che la creatività non manca, ma che non è sostenuta da un progetto globale. E che si comincia a sentire la necessità di una riflessione non banale da parte di istituzioni e urbanisti.

Berlino è forse il caso più noto. Ma tutta l’Europa centro-orientale è un cantiere aperto. Nascono nuove esperienze di vita urbana e le architetture più innovative prendono forma dal quotidiano. Uno dei maggiori architetti italiani spiega che la creatività non manca, ma che non è sostenuta da un progetto globale. E che si comincia a sentire la necessità di una riflessione non banale da parte di istituzioni e urbanisti.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img