spot_img

Sei anni dopo il triplo disastro il Nordest del Giappone prova a ripartire


Gli abitanti di una località della costa nordorientale del Giappone colpita sei anni fa da terremoto e tsunami hanno deciso di aprire le porte agli stranieri per promuovere turismo e ricostruzione. Il paradosso è che chi è stato costretto ad evacuare dalle zone circostanti la centrale danneggiata di Fukushima Daiichi viene spesso discriminato dagli stessi giapponesi.

Gli abitanti di una località della costa nordorientale del Giappone colpita sei anni fa da terremoto e tsunami hanno deciso di aprire le porte agli stranieri per promuovere turismo e ricostruzione. Il paradosso è che chi è stato costretto ad evacuare dalle zone circostanti la centrale danneggiata di Fukushima Daiichi viene spesso discriminato dagli stessi giapponesi.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img