Simferopol: linee moresche e architetture socialiste


Muri bianchi, arcate ampie, torri squadrate che mescolano l'architettura turca con il realismo costruttivista socialista..L'identità meticcia di Simferopol si svela subito, una volta scesi dal treno..Il torrione della stazione, con l'orologio dai motivi arabeggianti e la stella rossa che svetta sulla sua sommità, dice dell’incontro-scontro anche visuale di due culture: quella russa – nella variante prima zarista, poi sovietica – e quella ottomana. .Eurasiatica e sovietica sono gli aggettivi che per primi affiorano alla mente.

Muri bianchi, arcate ampie, torri squadrate che mescolano l’architettura turca con il realismo costruttivista socialista..L’identità meticcia di Simferopol si svela subito, una volta scesi dal treno..Il torrione della stazione, con l’orologio dai motivi arabeggianti e la stella rossa che svetta sulla sua sommità, dice dell’incontro-scontro anche visuale di due culture: quella russa – nella variante prima zarista, poi sovietica – e quella ottomana. .Eurasiatica e sovietica sono gli aggettivi che per primi affiorano alla mente.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img