spot_img

La Siria non è “una” come dice Assad, rieletto con il 95% dei voti


La vittoria alle elezioni è servita a Bashar al-Assad per mostrare al mondo quanto il Paese è unito e quanto le sue istituzioni funzionano bene. Ma la realtà è diversa...

Marco Dell'Aguzzo Marco Dell'Aguzzo
Giornalista, scrive per eastwest, Il Sole 24 Ore, il manifesto, Vanity Fair, Aspenia e Start Magazine. Si occupa di energia e di affari nordamericani.

La vittoria alle elezioni è servita a Bashar al-Assad per mostrare al mondo quanto il Paese è unito e quanto le sue istituzioni funzionano bene. Ma la realtà è diversa…

I sostenitori del Presidente siriano Bashar al-Assad festeggiano i risultati delle elezioni presidenziali a Damasco, Siria, 27 maggio 2021. REUTERS/Omar Sanadiki

In Siria il Presidente Bashar al-Assad ha vinto le elezioni del 26 maggio con il 95,1% delle preferenze, ottenendo un nuovo mandato da sette anni, il quarto. È al potere dal 2000.

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Abbonati per un anno a tutti i contenuti del sito e all'edizione cartacea + digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €45

Abbonati per un anno alla versione digitale della rivista di geopolitica

Abbonati ora €20

- Advertisement -spot_img

Nato, un ruolo per l’Italia

Climate change: le diverse policy ambientali